Il Test SMART di WR

 

Il test SMART di WorkRelax per la valutazione del rischio stress lavoro - correlato è basato su un'attenta analisi della bibliografia esistente in materia ed è nato dal confronto con i più noti test già validati e in uso a livello europeo (OSI, OPRA, Cubo di De Carlo).

La stesura degli items è stata seguita da un primo focus group affettuato con esperti del settore, che hanno valutato la formulazione più corretta delle domande e fornito suggerimenti su eventuali modifiche da apportare. la verifica dei dati di partenza, nella versione provvisoria del test, è avvenuta tramite la somministrazione ad un campione di cinquanta persone casualmente selezionate. I criteri sui quali si è concentrata l'attenzione dei redattori del test sono quello dell'appropriatezza, della validità dei contenuti, e dell'impostazione in base agli obiettivi proposti, nonchè dell'affidabilità, ossia la capacità di condurre a risultati concreti e indifferenziati, con ottenimento degli stessi punteggi, indipendentemente da chi effettui la correzione.

 

    

Anno di pubblicazione 2010
Destinatari

1000 soggetti in età lavorativa bilanciati per genere, età, provenienza geografica, titolo di studio, ruolo ricoperto in azienda, professione, livello di retribuzione economica ...

Modalità di somministrazione

Somministrazione per aree aziendali, con analisi complessiva dei risultati dello scoring relativo a tutte le aree, oltre che di dettaglio, su ogni singolo settore

Privacy e usabilità

Test costruito e somministrato nel settore della legislazione italiana vigente in materia di tutela della privacy. Compilazione anonima e utilizzo dei risultati in modo aggregato.

Caratteristiche psicometriche

Validità di facciata, di contenuto e di costrutto.

Validità convergente( nella relazione con altri test similari)

Validità di criterio (utile a trarre giudizi su futuri comportamenti da intraprendere a seguito del risultato di un test).

 

 

La stesura finale, sulla base delle modifiche apportate alla versione provvisoria, è stata seguita da ulteriore focus group di controllo per poi avviare la validazione vera e propria, con somministrazione ad un campione stratificato di 1000 soggetti, per l'ottenimento dei dati normativi.